biscotti/ dolci/ dolci delle feste

Le scaracedde

Oggi vi propongo la “scaracedde” tipico dolcetto  della nostra tradizione pugliese, che si preparava per la classica scampagnata del giorno di Pasquetta.
Un dolce molto semplice e gioioso per gli occhi e noi bambini ne eravamo ghiotti, per la verità anche adesso che siamo abbastanza grandi 🙂
Alla ricetta originale sono state apportate delle modifiche sia nell’impasto base che nella glassa che un tempo veniva fatta con gli albumi montati delle uova mentre noi la facciamo con zucchero a velo e limone, risulta più “leggera”.
Con questa colomba vi auguro una serena Pasquetta.

Ingredienti:

–   1 kg. di farina
–   300 g. di zucchero
–   150 gr di burro margarina a temperatura ambiente
–   1 bustina di lievito bertolini
–   1/2 bustina di pane degli angeli
–   6 uova a temperura mbiente
–   2 limoni (la scorza grattugiata)
–   sale
–   latte q.b.
Per la glassa :

–   limone
–   zucchero a velo

Preparazione:

sulla spianatoia setacciare la farina alla quale aggiungiamo lo zucchero, un pizzico di sale, la busta di lievito bertolini, la mezza bustina di pane angeli e la buccia grattugiata dei limoni;

dopodiché nel centro della farina mettiamo le uova intere ed il burro a pezzi ed iniziamo ad impastare il tutto … se necessario aggiungere un po’ di latte per rendere il composto liscio … se si desidera si possono lavorare gli ingredienti in un robot con la frusta a gancio per circa 5 minuti e poi continuare a lavorare l’impasto a mano sulla spianatoia sino a quando l’impasto risulti omogeneo e liscio;

stendere l’impasto con uno spessore di circa 1 cm e ritagliare le varie forme scelte, colombine, coniglietti, uova pasquali, insomma soggetti pasquali;

mettere su una teglia la carta da forno, adagiarvi le formine appena create e infornare per circa 20 minuti a 180° … far dorare da entrambi i lati i dolcetti.

Glassa:

per fare la glassa non ci sono quantità esatte da seguire ma gli ingredienti vengono miscelati fra loro poco per volta sino a quando si ottiene la consistenza desiderata della glassa … va molto a proprio gusto!

in una terrina mettere lo zucchero a velo setacciato ed aggiungere del succo di limone, poco per volta,  e con una spatola o cucchiaio di legno amalgamare bene gli ingredienti … si deve ottenere un composto né troppo denso e né troppo liquido … man mano aggiungere altro succo di limone se occorre.

Io ad esempio ho fatto una glassa un po’ troppo liquida quindi la copertura non risulta omogenea … diciamo che è una copertura un po’ “velata”.

Finitura:

quando le forme create si saranno raffreddate le mettiamo su una griglia e le copriamo con la glassa dopodiché procediamo con la decorazione;

io per la mia colombina ho usato il chicco del caffè per creare l’occhio e ho bordato la forma con dei zuccherini a forma di cuore, ma volendo si possono usare le classiche codette, nel nostro dialette dette “sinisine”, per vivacizzare le forme oppure le palline argentate o delle scaglie/gocce di cioccolato, insomma potete dare sfogo alla vostra creatività.

Bon appétit!

7 Comments

  • Reply
    Anonimo
    25 Aprile 2011 at 14:43

    brava complimenti sopratutto per la tua presentazione e sono daccordo sul fatto che oltre alla passione ci vuole tanta pazienza.Angela

  • Reply
    Sara
    25 Aprile 2011 at 15:26

    Ciao mi chiamo Sara,ho letto la tua ricetta sulle scaracedde,anch'io sono pugliese, e la tua ricetta mi ha portato indietro alle mie origini e a quando la mia nonna le faceva.Nei prossimi giorni appena avrò un pò di tempo,voglio provare la tua ricetta che mi sembra molto buona per via del fatto che tu usi il burro a posto dell'olio e il lievito e no l'ammoniaca(come faceva mia nonna).A prestissimo Sara.

  • Reply
    ricordietradizioni
    27 Aprile 2011 at 8:21

    ciao Sara grazie per i complimenti 🙂

  • Reply
    ricordietradizioni
    27 Aprile 2011 at 8:22

    ciao Angela eh si ci vuole tanta pazienza…grazie per i complimenti 🙂

  • Reply
    Antonia
    27 Aprile 2011 at 12:10

    veramente un bel sito, ma come sono buone queste ricette che comunque non è facile farle, ci vuole molta esperienza.

  • Reply
    mariacristina
    28 Aprile 2011 at 16:27

    Grazie per la visita, e complimenti per il blog, un abbraccio.

  • Reply
    ricordietradizioni
    29 Aprile 2011 at 15:46

    per Antonia…sono contenta che ti piacciono, prova a farle e poi mi racconti la tua esperienza 🙂

    per Mariacristina…è stato un piacere 🙂

  • Leave a Reply